LE RISPOSTE DI ASTASIM ALLE DOMANDE PIU’ FREQUENTI IN TEMA DI ASTE IMMOBILIARI

domande sulle aste immobiliari

Capita spesso, soprattutto a chi si avvicina a questo mondo per la prima volta, di ritrovarsi con mille domande su come funzionano le aste immobiliari e su come fare per evitare i rischi di un acquisto incauto.

Se si cercano su internet informazioni a riguardo si cade ancora di più in una confusione totale. Come si sa internet è un contenitore di informazioni che raccoglie tutte le notizie anche di fonti non veritiere, poco affidabili e soprattutto notizie ormai superate.

Ad esempio le riforme sul processo civile o le leggi sulle aste telematiche sono in continua evoluzione. Le informazioni che si possono reperire nella vastità di internet potrebbero essere fuorvianti o comunque non aggiornate.

In AstaSim siamo consapevoli di quanto il mondo delle aste immobiliari possa essere complesso. Ecco perché vogliamo fare chiarezza e dare una risposta alle domande sulle aste immobiliari che ci vengono rivolte più frequentemente da coloro che si avvicinano per la prima volta a questo particolare segmento del mercato immobiliare di Novara.

Perché un immobile viene messo all’asta?

Cominciamo dalla più semplice e istintiva delle domande sulle aste immobiliari  che ci si potrebbe fare. Perché un immobile dovrebbe essere messo in vendita all’asta? Chiunque vanti un credito nei confronti di terzi può fare in modo che questi possa ripagarlo pignorando la casa.

I pignoramenti più comuni derivano dal mancato pagamento delle rate del mutuo o delle spese condominiali. Tuttavia possono anche derivare da un debito di Equitalia, dal mancato pagamento di una qualsivoglia fattura di importo tale da giustificare l’azione o ancora da una sentenza di un Tribunale che impone il pagamento di una somma per cui si è inadempienti. 

Qualsiasi sia il motivo se c’è un titolo esecutivo per agire nei tuoi confronti ti possono pignorare la casa. La pendenza potrà così essere saldata con i proventi della vendita. In ogni caso non si tratta mai di un procedimento immediato. Infatti dalla notifica del primo avviso (messa in mora) all’effettivo pignoramento intercorre solitamente almeno un anno. Il che significa che nel frattempo il debitore potrebbe anche aver trovato il modo di correre ai ripari e regolarizzare la sua posizione.

Come si paga una casa aggiudicata all’asta a Novara e quali sono le tempistiche?

Le domande sulle aste immobiliari sono molteplici ma questa è una delle più comuni. Se ti sei aggiudicato un immobile tramite un’asta immobiliare sia telematica che cartacea avrai 120 giorni di tempo per procedere al saldo prezzo (non un giorno di più, perché il termine è perentorio). In alcuni casi, in particolare nei fallimenti immobiliari, il limite potrebbe però anche scendere a 60 giorni.

Prima di partecipare ad un’asta è quindi fondamentale avere una chiara visione di quelli che sono gli effettivi termini temporali utili per saldare il prezzo dell’immobile così da individuare fin da subito la modalità più adatta a cui ricorrere per il pagamento.

Meglio pagare con mutuo o senza?

Il prezzo dell’aggiudicazione si può saldare anche tramite erogazione di un mutuo fondiario. Infatti, molte banche, convenzionate con i Tribunali Italiani, possono concedere il 100% del prezzo di aggiudicazione purché esso non superi l’80% del valore del mercato libero.

Tuttavia, se si vuole optare per questa possibilità bisogna sapere che per l’erogazione del mutuo la Banca ha bisogno di tempo. Pertanto, se il termine di pagamento è di soli 60 giorni si rischia di non riuscire a pagare nei termini richiesti, soprattutto se non si ha chiesto alla Banca, prima di partecipare all’asta, una predelibera reddituale.

La Banca per erogare il mutuo ha bisogno di circa 60-90 giorni dall’aggiudicazione  al fine di sbrigare tutte le incombenze (perizia, delibera, atto).  Quindi, se tutti i passaggi sono stati eseguiti correttamente, non vi saranno problemi per il saldo prezzo. in questo modo contemporaneamente all’atto di mutuo verrà emesso anche il decreto di trasferimento che ti permetterà di avere finalmente le chiavi della tua nuova casa.

Quindi se tutti i passaggi fossero eseguiti correttamente e senza intoppi, contestualmente alla stipula dell’atto notarile di mutuo verrebbe emesso anche il decreto di trasferimento e con esso sarebbero consegnate le chiavi della casa.

Diversamente, se il pagamento del saldo avvenisse in contanti, il rischio di non poter rispettare le scadenze non esisterebbe.Tuttavia bisognerebbe attendere dai tre ai quattro mesi per l’emissione del decreto di trasferimento.

Purtroppo sembra un paradosso ma pagando in contanti l’emissione del decreto di trasferimento non sarebbe contestuale come nel pagamento tramite mutuo.

Quindi prima di partecipare all’asta pensiamo a quello che sarebbe meglio fare in base alle esigenze.

Cosa bisogna sapere prima di partecipare a un’asta immobiliare a Novara?

Sono tante le cose da sapere prima di poter partecipare ad un asta. Se non abbiamo le risposte ad ogni domanda sulle aste immobiliari è meglio affidarci a un professionista competente che possa dare tutte le informazioni che servono per decidere se partecipare o no a un’asta immobiliare.

Per partecipare in tutta sicurezza a un’asta immobiliare è fondamentale essere in grado di darsi una risposta precisa a una serie di domande importantissime, eccole:

  • È un’asta telematica o cartacea?
  • Ho ancora tempo per ottenere un mutuo prima dell’inizio dell’asta?
  • Sono andato a vedere l’immobile dentro e fuori? Ho visitato con attenzione l’immobile  dentro e fuori?
  • So qual è l’importo aggiornato delle eventuali spese condominiali?
  • Mi sono informato circa eventuali spese straordinarie che il condominio dovrà sostenere?
  • Ho verificato che non ci siano abusi edilizi? Se sì, ho anche verificato se siano sanabili o non sanabili?
  • Ho richiesto e ottenuto una planimetria aggiornata?
  • Mi sono informato sulla necessità di effettuare degli interventi di ristrutturazione e sul loro eventuale costo?
  • Conosco a quanto ammontano esattamente le tasse che dovrò pagare?
  • Quali sono le spese aggiuntive che dovrò sostenere oltre al prezzo di aggiudicazione?
  • Compro come prima o seconda casa?  Se quella che compro all’asta sarà una seconda casa, cambia qualcosa?
  • Mi sono informato a proposito di eventuali iscrizioni giudiziarie che non verranno cancellate quando diventerò proprietario della casa?
  • L’immobile è libero o occupato?
  • Se l’immobile fosse occupato, potrà essere liberato o c’è un contratto di affitto regolare in essere?
  • Quanto vale l’immobile nel mercato libero?

Se non sei stato in grado di rispondere con certezza a tutte queste domande accetta questo consiglio: non partecipare a quell’asta da solo. Rivolgiti a uno dei consulenti di AstaSim.

Vieni a trovarci nel nostro ufficio in Viale Roma, 15D – 28100 a Novara e scopri come lavoriamo, oppure telefonaci al numero +39 0321.32295 o scrivici a consulenti@astasim.it per concordare un appuntamento. Troveremo la casa all’asta perfetta per te e ti affiancheremo fino a che non sarà tua!

Condividi il nostro articolo con un amico

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *