chi è il custode giudiziario

Negli articoli precedenti abbiamo parlato del consulente in esecuzioni immobiliari spiegando nel dettaglio l’importanza di questa figura per non incorrere in acquisti sbagliati.

Oggi voglio parlarti di una figura molto importante nelle aste immobiliari, non è l’unica figura di questo settore ma di certo è quella che ricopre un ruolo fondamentale.

Se sei in procinto di comprare casa all’asta è importante che tu conosca al meglio la sua utilità!

Vediamo nel dettaglio chi è il custode giudiziario, cosa fa e che ruolo svolge.

CHI È IL CUSTODE GIUDIZIARIO

Il custode giudiziario chiamato semplicemente custode è colui che ha il compito per conto del Giudice Delegato di custodire le case che sono state pignorate garantendo la conservazione dell’immobile sino alla sua aggiudicazione e trasferimento al nuovo proprietario.

Il custode giudiziario infatti dovrà periodicamente relazionare il giudice Delegato sul suo operato aggiornandolo su ogni problematica in merito alla conservazione dell’immobile.

Infatti il custode dovrà assicurare che la casa pignorata abitata ancora dal debitore non subisca danni, vandalismi o che venga colpita da eventi atmosferici gravi.

Un altro importante compito del custode è quello di organizzare i sopralluoghi con i potenziali nuovi acquirenti prima della vendita.

Ultimo compito, ma non per importanza, si occupa della liberazione dell’immobile dopo l’aggiudicazione fino alla consegna delle chiavi.

I COMPITI DEL CUSTODE GIUDIZIARIO

Abbiamo appena visto quali sono i compiti generali del custode giudiziario.

Ma vediamo nel dettaglio le attività importanti che dovrà svolgere per conto del Giudice Delegato nelle esecuzioni immobiliari.

ACCERTA LA PRESENZA DI OCCUPANTI ALL’INTERNO DELL’IMMOBILE ED IL TITOLO DI TALE OCCUPAZIONE

il custode dovrà verificare se l’immobile è occupato e la liberazione cambia in base al titolo di occupazione.

Se l’immobile è occupato dall’esecutato e dalla propria famiglia allora per legge, ha il diritto di occupare l’immobile fino all’aggiudicazione cioè fino all’emissione del decreto di trasferimento.

Se l’immobile, è occupato senza titolo, quindi da persone non proprietarie senza contratto di locazione registrato, oppure registrato in data successiva alla notifica del pignoramento allora il custode dovrà procedere immediatamente alla liberazione dell’immobile.

In questo caso, il custode relazionerà subito il giudice delegato della presenza di occupanti senza titolo e lo stesso emetterà l’ordine di liberazione immediatamente esecutivo.

La liberazione inizierà e avverrà in un tempo massimo di 120 giorni.

SI ASSICURA CHE LA CASA PIGNORATA VENGA CONSERVATA IN BUONO STATO.

La persona che occupa l’immobile dovrà conservare con la diligenza del buon padre di famiglia.

Ciò vuol dire che non dovrà apportare modifiche all’immobile o creare danni sino a quando non verrà liberata, curando la manutenzione ordinaria della casa.

In caso contrario, il custode giudiziario avrà l’obbligo di comunicare al giudice la mancata diligenza ed il Giudice dovrà emettere l’ordine di liberazione immediato, anche prima della vendita.

INCASSA GLI EVENTUALI AFFITTI.

Il custode giudiziario, in caso in cui l’immobile è occupato con contratto di locazione, dovrà incassare per conto della procedura la pigione come da contratto.

Dovrà anche mandare la disdetta del contratto nei termini di legge ove sia necessario.

Una volta aggiudicato ed emesso il decreto di trasferimento il contratto ancora in essere sarà trasferito al nuovo proprietario il quale inizierà a percepire l’affitto.

ORGANIZZA LE VISITE ALLA CASA DA PARTE DEI POTENZIALI ACQUIRENTI.

Il custode giudiziario organizzerà le visite di tutte le persone che verranno visionarla al fine di poter valutare l’immobile e proporre un eventuale offerta.

Il custode comunicherà il giorno e l’ora, quindi non sarà possibile da parte del visitatore scegliere il giorno e l’ora.

LIBERA L’IMMOBILE UNA VOLTA AGGIUDICATO ED EMESSO IL DECRETO DI TRASFERIMENTO

Si occupa concretamente della liberazione dell’immobile attuando l’ordine emesso dal Giudice.

Questo significa che organizzerà le operazioni di sgombero, che porteranno gli esecutati lasciare la loro casa.

La liberazione dell’immobile avviane da un minimo di 60 giorni ad un massimo di 120.

Contrariamente a quello che molte persone pensano la liberazione avviene a prescindere da chi occupa la casa.

Pertanto, che sia occupato da famiglie con bambini minori, anziani o allettati, la liberazione verrà eseguita ugualmente.

Ora che sai chi è il custode giudiziario e tutto quello che fa per te, l’unica cosa che devi fare è chiamare il tuo consulente in esecuzioni immobiliari AstaSim.

TI aiuterà a trovare la casa giusta e ad aggiudicarla senza incorrere a problemi ed insieme al custode giudiziario ti seguirà fino alla consegna delle chiavi.

Se hai altre domande, scrivi nei commenti qui sotto e ti risponderemo subito, oppure inviaci una e mail all’indirizzo consulenti@astasim.it.

Chiamaci al numero 0321.32295 per fissare il tuo appuntamento con i nostri consulenti.

AstaSim la prima agenzia a Novara, specializzata nell’acquisto di immobili all’asta.

Condividi il nostro articolo con un amico

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *